sant iscle de vallalta.png

Il nostro ambiente

Masía Can Castellar si trova nel cuore del Montnegre marittimo, incorniciato tra il mare e le colline che fanno da contrafforte a Montnegre, un punto dove la fascia che va dalla costa alla catena montuosa costiera si restringe e le ondulazioni del la terra arriva quasi al livello del mare.
Il territorio del Montnegre è ripido, non sarà facile trovare zone pianeggianti. Sulla nostra strada troviamo piccole colline e piccoli pendii e burroni con grandi tesori nascosti. I boschi che vedremo sono principalmente lecci e sughere e verso la cornice del massiccio varietà come roverella e castagno, trovando specie protette come l'agrifoglio. Allo stesso modo troviamo le pinete mediterranee i cui frutti, i pinoli, sono di alto valore culinario e nutritivo. La comparsa delle pinete aumentò verso la fine del XIX secolo con la nota malattia della fillossera che distrusse l'economia vitivinicola della zona di alto pregio in quel periodo. Proprio e in sostituzione di questa produzione vinicola, è emersa con forza nella seconda metà del XX secolo la fragola Maresme, un frutto che, essendo piantato con la pendenza del terreno, presenta un sapore specifico e molto apprezzato, sebbene già nel 21 ° secolo si sta perdendo a causa del suo alto costo del lavoro. Anche visitando i boschi e gli antichi campi di coltivazione troveremo grotte realizzate a mano per la coltivazione dei funghi e buche dove si produceva il carbone di legna dopo la potatura di manutenzione forestale.
In autunno la montagna è visitata dagli amanti dei funghi, poiché ne esistono molte varietà tipiche della Catalogna.

All'interno dell'ambiente è possibile effettuare diverse escursioni, sia a piedi, in bicicletta oa cavallo, tra cui una visita alla torre del fuoco (da dove possiamo avere panorami in una giornata limpida delle regioni che circondano Montnegre, Vallès Oriental, Maresme e La Selva) e anche il Massiccio del Montseny. Un'altra escursione molto interessante è la visita a La Canónica de Santa María de Roca-Rossa, situata nel massiccio del Montnegre nel comune di Tordera, fu fondata nella prima metà del XII secolo sotto l'ordine di San Agustín, costruendo una chiesa con chiostro e annessi in stile romanico con alcuni elementi già dal gotico, anche se i dintorni delle urbanizzazioni ne danneggiano il valore storico, e più vicina la visita al luogo di "Dones d'Aigua" un luogo magico e leggendario.